Banner Sito Web

Sanremo 2023 voti duetti

da | Feb 11, 2023 | Attualità, News

Sanremo 2023 voti duetti

Al Festival di Sanremo, la serata dedicata ai duetti prevede che i 28 artisti in gara sul palco dell’Ariston eseguano versioni di brani, sia propri che di altri autori, in compagnia di ospiti speciali.

La vittoria della serata viene decretata dalla combinazione dei voti della giuria demoscopica, del pubblico da casa e della stampa.

Unknown2 | Roma Comunica Portale della comunicazione online di Roma

Ariete e Sangiovanni hanno eseguito “Centro di gravità permanente” di Franco Battiato, pubblicato nel 1981. La scenografia fa riferimento alla copertina del disco “La voce del padrone”, ma l’interpretazione di Sangiovanni è stata alquanto imprecisa, anche se Ariete ha fatto un po’ meglio.

In sala stampa, qualcuno ha ironizzato urlando “In galera!”, un richiamo ai vecchi tempi. Pur sostenendo la generazione Z non possiamo dare più di 4.5

Will e Michele Zarrillo hanno eseguito “Cinque giorni” di Michele Zarrillo, pubblicato nel 1994. La performance sembrava un tuffo nel passato, ricordando i Sanremo degli anni ’90. Zarrillo, con la sua maestria e professionalità, ha dato spazio a Will, per poi entrare con la sua potente voce, evidenziando chiaramente la differenza.

Tuttavia, la scelta musicale appare datata. Era già evidente che Will avesse un’anima “vecchia”, ma questa performance lo conferma ancora di più.

Riportare a Sanremo Michele Zarrillo, rappresentante di un’epoca passata del Festival, potrebbe sembrare una scelta controcorrente, ma in realtà funziona: a volte è meglio esibirsi con professionalità e senza eccessi che cercare di immergersi in sfide troppo impegnative. 5.5

Sanremo 2023 voti duetti e pagelle

Elodie e Big Mama hanno eseguito “American Woman” originariamente pubblicata dai Guess Who nel 1970 e poi riproposta da Lenny Kravitz.

Durante queste serate del festival, le canzoni straniere hanno un loro significato particolare, che dovrebbe essere di un rock al femminile.Unknown4 | Roma Comunica Portale della comunicazione online di Roma

L’entrata sul palco con pelliccia, occhiali neri, stivali di pelle e reggiseno in vista, ha un’aria teatrale, ma alla fine la performance è stata eccezionale, con grandi doti vocali e Big Mama pronta a partecipare al festival l’anno prossimo.

Con “American Woman”, Elodie cerca di cambiare le carte in tavola, ma rischia di perdere il controllo. Big Mama cerca di rendere il brano più italiano, ma questa operazione lascia molte domande aperte. Ad ogni modo 6 pieno

Durante la serata di copertine di duetti, Lorella Cuccarini e Olly hanno eseguito “La notte vola”.

Anche se è caduta durante le prove, Lorella si è subito rialzata e ha continuato a cantare e ballare come se nulla fosse accaduto.

images6 | Roma Comunica Portale della comunicazione online di Roma

Nella performance lei è la vera star, e quando dice a Olly di restare sempre un bambino, c’è un’aura di imbarazzo nell’aria.

La versione con la batteria potente è il giusto equilibrio tra divertente ed eccessivo, e improvvisamente ci ritroviamo a guardare una puntata di “Amici” dove un concorrente ha la possibilità di esibirsi con uno dei professori. Voto 5 ( forse Lorella nazionale meriterebbe di più)

Durante la performance, Ultimo e Eros Ramazzotti hanno eseguito un medley delle canzoni di Ramazzotti. Ultimo al piano ha fatto partire “Una canzone per sempre”, seguito da Ramazzotti, che ha avuto difficoltà nel ricordare le parole della sua canzone.

images7 | Roma Comunica Portale della comunicazione online di Roma

Nonostante ciò, la performance è stata piena di passione e allegria, e questo è stato sufficiente per rendere l’esibizione un momento cult della serata. 6.5

Sanremo 2023 voti duetti

Lazza con Emma e Laura Marzadori (primo violino della Scala di Milano), “La fine”: 7

Un rapper, una cantante pop che interpreta ogni sillaba come se fosse l’ultima della sua vita e la prima violinista della Scala: poteva andare peggio, poteva andare meglio, dicono alcuni ma per noi hanno funzionato eccome! Fino a qui la cover migliore della serata. Intensa, appassionata. L’energia che scorre fra Lazza ed Emma è palpabile. Il violino di Marzadori aumenta il tratto emozionale.

Tananai si dimostra un artista versatile e decisamente esperto. Non risulta inferiore rispetto a Biagio (nonostante la differenza tecnica), i due hanno anche una buona intesa sul palco, molto astuta e con una sensazione di spettacolo. Un punto anche per la simpatia e le buone vibrazioni che trasmettono. 7

Shari e Salmo si esibiscono in un medley di Zucchero Sugar Fornaciari: 6 La performance ha inizio con “Hai scelto me” di Shari, che fa risaltare la sua voce. Poi è il momento di Salmo con “Diavolo in me”, che entra con energia. Il duetto ha un senso. Salmo è molto bravo, ma le cover sono sempre un rischio. 5.5

Sanremo 2023 voti duetti Grignani e Arisa

Gianluca Grignani e Arisa regalano un’esibizione memorabile con la loro interpretazione di “Destinazione Paradiso”. La canzone inizia un po’ confusa, con Grignani che parte fuori tempo e la voce di Arisa che segue il suo ritmo. Tuttavia, i due artisti presto si sincronizzano e creano una performance piena di emozione e anima.

La scena è resa ancora più spettacolare dalla presenza di Beppe Vessicchio che fa finta di dirigere l’orchestra accanto a Melozzo.

Nonostante alcuni errori e stecche, la coppia Grignani-Arisa ha creato una performance che trascende il disordine e l’improvvisazione.

Arisa ha perfino dichiarato di aver “fatto casino” alla fine della canzone, facendo risaltare il cuore e la verità che hanno messo nella loro esibizione.

Vessicchio, che ha accettato la sfida di dirigere l’orchestra, merita una menzione speciale per il suo impegno e la sua rassegnazione. 8.5

Unknown3 | Roma Comunica Portale della comunicazione online di Roma

Sanremo 2023 voti duetti Leo Gassmann

La performance di Leo Gassmann insieme a Edoardo Bennato e il Quartetto Flegreo in un medley di Edoardo Bennato è stata eccellente: 6.5. Gassmann ha saputo esibirsi in modo convincente, senza esagerare, mentre Bennato ha dato il meglio di sé.

Il Quartetto Flegreo ha fornito un tocco di scenografia con alcune soluzioni rock al violino. Insieme, hanno dato vita a un medley ben riuscito.

Sanremo 2023 voti duetti Articolo 31

Il medley d’annata Articolo 31 viene proprio bene, si canta e si balla, un po’ nostalgicamente peraltro. Poi ci si intenerisce quando Fedez va a baciare la sua mamma.

Meno sorprendente da due che portano avanti questa battaglia da tempo che J-Ax e Federico si lancino uno sguardo d’intesa tra un verso e l’altro di Ohi Maria urlino: “Giorgia, legalizzala!”. 7.5

Giorgia e Elisa, “Luce (Tramonti a nord-est)” e “Di sole e d’azzurro”: 9.5

La loro esibizione è stata da brividi. La canzone “Luce” è stata arrangiata con eleganza e suspense come in un film d’azione. “Di sole e d’azzurro” ha mantenuto quelle classiche tastiere che hanno conquistato il pubblico.

Il duetto tra le due artiste è stato notevole, con Elisa che ha svettato con la sua voce.

Questo momento è stato uno dei più alti della serata. Amiche da lungo tempo, si sono ritrovate sul palco per cantare insieme i loro successi.

La loro intesa e la loro classe hanno incantato il pubblico dell’Ariston. Nonostante fossero “rivali” nel 2001 a Sanremo, nel 2023 si sono unite per un’esibizione che ha fatto emozionare tutti.

Sanremo 2023 voti duetti andiamo avanti

Carla Bruni ha un fascino innegabile, ma la sua performance viene apprezzata di più per i movimenti fluidi che per la voce. Colapesce e Dimartino scelgono di tenersi un po’ in secondo piano, ottenendo un risultato che, se tecnicamente non è al massimo, è visivamente molto azzeccato. 5

La performance di Cugini di Campagna e Paolo Vallesi su “La forza della vita” e “Anima mia” riceve un voto più basso, con una nota di debolezza nella voce a causa di falsetti e ultrasuoni che pervadono tutto. Sull’impostazione vocale della canzone “Anima mia”, questi elementi hanno un certo senso, ma su “La forza della vita” non hanno alcun motivo di esistere. 4.

Sanremo 2023 voti duetti Mengoni

Unknown1 | Roma Comunica Portale della comunicazione online di Roma

Qui siamo ancora un pò indecisi. Marco Mengoni e il Kingdom Choir eseguono “Let it be” La performance ha una forte connotazione gospel con l’aggiunta del coro che regala intensità.

La voce di Mengoni scolpisce il brano e accende l’atmosfera, trasformando la semplicità originale in un’interpretazione profondamente personale e valorosa. Marco dimostra ancora una volta le sue abilità vocali, ma rivisitare un classico dei Beatles in un inglese smangiucchiato può risultare un po’ troppo.

La scelta di interpretare “Let it be” in chiave gospel potrebbe correre il rischio di banalizzare un capolavoro. Nonostante questo, intorno al 1.50 Mengoni alza la posta e si pone come potenziale vincitore della serata delle cover. 8.5

gIANMARIA e Manuel Agnelli si uniscono in un duetto che celebra la generazione del rock italiano. Insieme, hanno reinterpretato un pezzo iconico del genere, “Quello che non c’è” degli Afterhours, e hanno regalato all’audience una performance che si intensifica col passare dei minuti.

All’inizio, la grinta di gIANMARIA può sembrare fuori luogo, ma presto ci si rende conto che è proprio il contrasto tra la interpretazione rigorosa di Agnelli e quella energica e trascinante di gIANMARIA che arricchisce la canzone, trasformandola da un brano introspettivo e triste a uno con un’energia giovanile e sfrenata. 7.5

Sanremo 2023 voti duetti Mr Rain e Madame

Nonostante a noi piaccia molto, qui prende 4.5

Questa interpretazione di “Qualcosa di grande” non rende giustizia all’originale dei Lùnapop. La voce di Fasma è disturbata dall’uso eccessivo dell’autotune e non riesce a creare la giusta atmosfera.

Anche Mr. Rain non riesce a dare il giusto tono al brano, che risulta sbiadito e privo di energia.

L’originale dei Lùnapop era un pezzo capace di dimostrare il talento della band e di lanciare la carriera di Cesare Cremonini, ma questa versione non sembra avere lo stesso potenziale.

Madame e Izi, “Via del Campo”: (Fabrizio De André) Madame, vestita di bianco, è affiancata da Izi, proveniente da Genova.

La cantante rende bene il brano, anche con la sua interpretazione del testo di De André. Tuttavia, Izi non contribuisce molto alla performance.

Con rispetto per la sua carriera e storia, questa versione di “Via del Campo” sarebbe stata migliore se interpretata da Madame da sola.

Non concordiamo con chi ha criticato l’assenza di rap su questo pezzo.

Sanremo 2023 voti duetti

La versione di “Sarà perché ti amo” è un’interpretazione fedele all’originale, ma con una dinamica fresca e moderna.

La combinazione delle voci dei Coma Cose e dei Baustelle crea un’armonia vocale unica e affascinante, che rende la performance molto piacevole.

Il divertimento che trasudano i musicisti sul palco è contagioso e trasmette al pubblico un’energia positiva. In definitiva, una performance divertente e ben eseguita che rende giustizia all’originale. 6.5

Sanremo 2023 voti duetti Rosa Chemical

Rosa Chemical e Rose Villain, “America” : 5.5 (Gianna Nannini, 1979) Questa cover di “America” di Gianna Nannini ha un sapore di mash-up con “Spirit in the sky”. L’interpretazione dei Rosa Chemical e Rose Villain sembra più una cover di Achille Lauro che di Nannini.

Con la sua chitarra Marilyn Manson-style e il tema di sesso e fetish, la versione di Chemical e Villain mira a essere hot, ma l’effetto non è del tutto raggiunto.

Con Chemical che lecca lo stivale di Rose, la cover non scopre l’America, ma resta ugualmente apprezzabile.

Modà e Le Vibrazioni  5 hanno tentato una fusione musicale con “Vieni da me”, ma il risultato è stato deludente. L’arrangiamento prog è troppo elaborato per un pezzo che non riesce a colpire l’ascoltatore e ad appassionare.

La festa delle “ugole profonde” fra Kekko e Sarcina è il risultato, ma il karaoke collettivo che il pezzo cerca di promuovere non basta a salvare l’esperimento.

La sinfonia rock delle occasioni perdute è una rappresentazione della scena musicale italiana, ma non riesce a dare il meglio di sé.

Sanremo 2023 voti duetti

La performance di Levante e Renzo Rubino su “Vivere” riceve un voto di 6. La cantautrice siciliana mostra una tecnica impeccabile nella sua interpretazione, ma risulta eccessivamente drammatica rispetto all’originale di Vasco Rossi.

Anche se Rubino al piano è un piacevole complemento, non aggiunge molto al pezzo. Levante canta bene, ma sembra che voglia impressionare più che interpretare, mancando di equilibrio.

La ripetizione della parola “Vivere” rischia di diventare ripetitiva e ridondante.

Anna Oxa con il violoncellista iLjard Shaba, “Un’emozione da poco”: 5

La sua presenza, tuttavia, non basta a elevare la performance. Anna Oxa canta con passione, ma gli eccessivi vocalizzi e le esagerazioni la fanno sembrare più una imitazione di se stessa che una rilettura del pezzo.

Un vero peccato per questo brano meraviglioso.

Sethu e Bnkr44 7 : riescono a portare un’energia giovanile e fresca al pezzo dei Baustelle, creando un momento divertente e spensierato della serata.

Il loro mash-up tra il pop dei Backstreet Boys e l’alternative rock di YungBlud è un vero e proprio riscatto per Sethu, che dimostra di saper creare un’interpretazione personale e coinvolgente del brano originale.

Sanremo 2023 voti duetti LDA e Alex Britti, “Oggi sono io”: 6.5
images4 | Roma Comunica Portale della comunicazione online di Roma

(Alex Britti, 1998)
La chitarra e la voce di Britti sono, ovviamente, il vero valore aggiunto. Ma LDA non sfigura affatto. I due mettono in scena un’esibizione in cui dimostrano affiatamento.

Non inizia bene, la chitarra di Alex Britti non si sente granché, forse c’è qualche problema. Dopo la metà i due ingranano e con un pezzo solido anche LDA ne esce bene.

Mara Sattei e Noemi, “L’amour toujours”: 6 (Gigi d’Agostino, 1999)

L’idea di portare un pezzo senza tempo di Gigi all’Ariston è da applaudire. Un omaggio. Sattei e Noemi sono ottime interpreti, ma l’arrangiamento con gli archi e le strofe aggiunte dalle due cantanti lasciano alcune perplessità. Va, però, sottolineata la volontà di mettere qualche cosa di personale nella cover.

Sanremo 2023 voti duetti Paola e Chiara

Merk & Kremont sono due nomi importanti della dance italiana, ma la loro presenza non ha aggiunto molto alla performance delle due cantanti.

Nonostante questo, la coreografia e l’energia che hanno messo in scena sono riusciti a risvegliare il pubblico dal torpore.

La scelta di omaggiare anche Abba e Kylie Minogue è stata un’idea molto originale e ben eseguita. In generale, il medley potrebbe essere stato ancora più efficace con una selezione più curata delle canzoni e arrangiamenti più fedeli alle versioni originali. 6.5

Sanremo 2023 voti duetti finali

Un’interpretazione originale e piena di energia di un pezzo classico di Daniele Silvestri.

La chimica tra Colla Zio e Ditonellapiaga trasuda dal palco, e il divertimento che hanno durante la performance è contagioso.

Non tutto funziona perfettamente, ma l’approccio alla canzone e lo spirito che hanno portato sul palco sono molto apprezzati. La scelta di non prendersi sul serio rende la performance ancora più piacevole e un buon modo per chiudere la serata. 6

Cosa ne pensate?

Restate aggiornati sui nostri canali social.

Le altre news.

Ristorante All You Can Eat di Cucina Romana: Scopri la Tradizione a Prezzo Fisso

Ristorante All You Can Eat di Cucina Romana Benvenuti nel Ristorante All You Can Eat di Cucina Romana! Se sei un amante della buona tavola e desideri esplorare i sapori autentici della cucina romana senza preoccuparti del conto, il ristorante all you can eat è la...

La Fine della Storia tra Sergio Maria Dottavi e Greta Rossetti

La Rottura tra Sergio Maria Dottavi e Greta Rossetti: Un Amore Finito La notizia della fine della storia tra Sergio Maria Dottavi e Greta Rossetti ha sorpreso molti fan e appassionati del mondo dello spettacolo. La coppia, che era considerata una delle più affiatate...

Noleggio con Conducente: Il Servizio di Eccellenza di First Horizon

Introduzione al Servizio di NCC: La Scelta Migliore per i Tuoi Spostamenti Benvenuti nel noleggio con conducente su First Horizon, la tua soluzione ideale per il NCC (Noleggio con Conducente). Se stai cercando un servizio di trasporto professionale, affidabile e...